Il parquet non è un semplice rivestimento per il pavimento: rappresenta un elemento di interior design molto richiesto. Il legno è da sempre un materiale personalizzabile, infatti il parquet può presentare un gran numero di finiture. Ha una durata garantita nel tempo, una grande resistenza all’usura, ed è a tutti gli affetti, un eccellente isolante termico e acustico. Vediamo adesso le diverse tipologie di parquet padova.
Parquet in legno massello
Questa tipologia è la più pregiata in quanto è realizzata interamente con legno nobile. Il prezzo varia in base al tipo di legno, allo spessore e alla finitura. Tra i suoi vantaggi vanno menzionate le sue proprietà isolanti, infatti dato lo spessore, può essere un ottimo isolante termico e acustico.
Parquet con supporto
E’ composto da diversi strati di legno e in questo caso, solo quello più esterno è costituito da legno nobile. Gli strati sottostanti sono costituiti solitamente da: legno di pioppo, larice o betulla e servono a dare stabilità ai listoni. Sicuramente è un ottimo compromesso qualità/prezzo infatti, i costi per la posa sono inferiori e può essere levigato e portato a nuovo.

Parquet laminato
Il laminato è più resistente di qualsiasi parquet. Presenta una struttura a più strati derivati dal legno e nella parte più esterna, è presente una decorazione che riproduce il motivo del legno. Con questo materiale è possibile dare l’effetto del parquet con costi nettamente inferiori. Sicuramente la messa in posa è più semplice e non subisce variazione di colore, come invece accade per il parquet.

Finto Parquet
Il finto parquet non è altro che PVC, un materiale sintetico con cui è possibile creare pavimentazioni con venature identiche a quelle del legno. E’ impermeabile, facilissimo da pulire e non risente di deformazioni o “gonfiori” causati dall’acqua. Per le sue caratteristiche è perfetto per la pavimentazione del bagno.

Il futuro del mobile su misura

Qual è il futuro del mobile? Carta e nastro adesivo. Almeno questa è la soluzione proveniente dal progettista bulgaro Petar Zaharinov, la cui ultima linea di mobili è realizzata interamente ed esclusivamente da queste due componenti. Da sempre ispirata da enigmi e “cose che sembrano impossibili”, introduce un modo semplice di attaccare gli aerei insieme con del nastro adesivo in un modello di scacchi, che gli permette di creare robusti tavoli pieghevoli, scrivanie, sedie, libro scaffali, letti, e anche silos di immagazzinamento.

“Volevo provocare chi pensa che l’unico futuro possibile è super high-tech, con l’intelligenza artificiale e wi-fi integrato in ogni cosa. Penso che questa sarà solo una parte di esso. L’altro sarà estrema semplicità e personalizzazione. Non credo che la gente smettere di usare mobili massicci, ma per la persona moderna che viaggia molto e cambia la loro posizione ogni pochi anni, questa potrebbe essere una grande soluzione.”

Il risultato è creativo, innovativo e pratico. TapeFlips possono adattarsi facilmente – risistemare le parti che si dà nuove impostazioni, consente di regolare le dimensioni (per esempio, l’altezza di una scrivania o una sedia), e risparmiare spazio. I pannelli di carta sono leggeri, impermeabili, e il proprietario può facilmente stampare i modelli su di loro. Il nastro si comporta come cerniere e garantisce un angolo di rotazione di 360. Per quanto riguarda la durata, Zaharinov dice che una sedia, per esempio, è stato testato per contenere fino a 100 chili, ma come nastro è cruciale per la durevolezza, la sua squadra ha in programma di sviluppare il proprio marchio al fine di garantire la qualità di ogni pezzo.

L’artista per la realizzazione dei mobili su misura a Padova si affida a: http://piransigfrido.it/showroom/

L’integrazione tra tradizione e innovazione

 

La tendenza per gli allestimenti fieristici del 2017 è chiara: ledwall a volontà. Sono sempre di più le aziende che richiedono agli allestitori fieristici l’utilizzo di soluzioni multimediali all’interno dei propri stand. Gli uffici marketing e comunicazione stanno comprendendo l’importanza di coinvolgere i propri visitatori all’interno dello stand e di rendersi più visibili rispetto ai concorrenti che utilizzano uno stand tradizionale.

La forza degli stand multimediali è l’impatto visivo che viene a crearsi, rendendo irresistibile l’impulso di fermarsi per una visita al visitatore in fiera.

Le immagini dinamiche comunicano la storia, i prodotti e servizi, la mission dell’azienda in maniera molto più efficace rispetto alle stampe e alle grafiche statiche realizzate su pareti in legno, dando vita ad una connessione più intima e profonda con i visitatori dello stand. Inoltre c’è la possibilità di rendere il proprio stand interattivo, grazie alla realizzazione di applicazioni su misura per ogni azienda.

Di seguito le parole di uno dei leader degli allestimenti fieristici a Milano: ” Noi crediamo che l’integrazione tra artigianalità e tecnologia sia doverosa e possa fare la differenza nell’allestimento di uno stand, anche per l’azienda che va a rappresentare. Nei nostri allestimenti è sempre presente quel tocco di artigianalità infuso dalla maestria dai nostri falegnami, che sono in grado di realizzare le più scenografiche e originali strutture portanti per i nostri schermi a LED. I nostri clienti in genere desiderano mantenere un approccio tradizionale nella struttura degli stand ma vogliono anche inserire quel tocco di multimedialità e innovazione con l’utilizzo di soluzioni tecnologiche all’avanguardia. Tutto ciò contribuisce a dare l’immagine di un’azienda rispettosa delle tradizioni, ma decisamente proiettata al futuro, riuscendo a valorizzare al massimo la presenza in fiera. ”

 

Sembra quindi chiaro il trend per gli allestimenti fieristici del futuro ma soprattutto del presente, con ledwall sempre più definiti, integrati in pareti realizzate su misura da abili artigiani. L’importante è affidarsi a professionisti del settore affidabili, che abbiano nel proprio portfolio una buona quantità di realizzazioni di questo tipo.

Le fasi dell’orgasmo femminile

Eccitamento

Questa fase può essere avviata da numerosi tipi di stimoli, tra stimolazioni visive, fisiche e psicologiche. Questi stimoli portano ad un aumento dell’attività del parasimpatico lungo i nervi pelvici. Per molte persone, la frequenza cardiaca accelera, la pelle può diventare arrossata e aumenta la tensione muscolare.
Nelle donne, il clitoride diventa eretto e la vagina diventa lubrificata. C’è dibattito se il clitoride diventi gonfio di sangue, ma la presenza di ossido nitrico indica che esso può utilizzare un meccanismo simile a un’erezione.
A differenza del pene, la vagina può diventare lubrificata a causa della funzione di una ghiandola specifica. Al momento della pubblicazione, vi è un certo dibattito circa il ruolo che le secrezioni delle ghiandole di Bartolini giocano nella lubrificazione vaginale. Le ghiandole di Bartolini sono due ghiandole situate sui lati destro e sinistro dell’apertura vaginale al di sotto del clitoride. Storicamente, queste ghiandole sono state pensate per produrre composti lubrificano la vagina.

Tuttavia, la ricerca attuale dimostra che le secrezioni delle ghiandole di Bartolini possono essere relativamente esigue. Molti ricercatori ritengono che la maggior parte della lubrificazione vaginale sia una combinazione di trasudato dai vasi sanguigni, una sostanza fluida che proviene dal plasma sanguigno e da muco cervicale. Inoltre, durante questa fase, i seni possono diventare più pieni ed i capezzoli eretti.
Tutto questo avviene in pochi secondi, e senza pensiero cosciente. Finora, l’eccitazione umana ha dimostrato di essere una serie complessa di eventi, perfettamente coordinati.
Plateau
Durante questa fase, molte delle funzioni della fase di eccitazione sono mantenute come l’erezione e lubrificazione. Il clitoride può diventare molto sensibile e rientrare sotto il cappuccio del clitoride per evitare la simulazione diretta; inoltre, le pareti vaginali diventano viola scuro.  Alcuni individui possono sperimentare spasmi muscolari nelle mani, piedi o viso mentre aumenta la tensione muscolare. La frequenza cardiaca continua ad accelerare, aumento della pressione sanguigna e l’individuo diventa più vicino a raggiungere l’orgasmo.
Orgasmo
Dopo l’eccitazione e le fasi di plateau arriva la fase di orgasmo che, per molti individui, serve come motivazione principale per l’interazione sessuale. Tipicamente dura pochi secondi, questa fase è di gran lunga la più breve.  Nelle donne, i muscoli della vagina e utero producono anche potenti, contrazioni ritmiche. Queste contrazioni sono la fonte di piacere durante l’orgasmo, mentre rilasciano la tensione muscolare costruito durante le fasi di eccitazione e plateau.
Risoluzione
Dopo l’orgasmo, la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna e la respirazione ritornano alla normalità. Molte persone provano una sensazione di tranquillità durante questo periodo e la fatica è comune. Durante la fase di risoluzione, la maggior parte dei maschi non saranno in grado di raggiungere l’eccitazione sessuale e l’orgasmo, anche se alcune femmine sono in grado di continuare e provare orgasmi multipli.